Vieni a trovarci anche sul sito dello Studio Empathos: www.studioempathos.com

Ci vediamo a SETTEMBRE! BUONA ESTATE!

Ci vediamo a SETTEMBRE! BUONA ESTATE!

Ci vediamo a SETTEMBRE! BUONA ESTATE!

Ci vediamo a SETTEMBRE! BUONA ESTATE!

Ci vediamo a SETTEMBRE! BUONA ESTATE!

Ci vediamo a SETTEMBRE! BUONA ESTATE!

Ci vediamo a SETTEMBRE! BUONA ESTATE!

Ci vediamo a SETTEMBRE! BUONA ESTATE!

Se questo spazio ti piace, ti piacerà anche il sito dello Studio Empathos!Visitalo, basta un click!

venerdì 29 aprile 2011

Il Venerdì del Libro

Superato aprile comincia già a sentirsi l'atmosfera per la festa della mamma.
Ci accorgiamo che arriva dalle vetrine allestite, dai lavoretti che i nostri pargoletti preparano a scuola, dalle prime pubblicità di iniziative benefiche per fare un regalo alla mamma e alla ricerca.
Mi sembrava carino proporre, oggi, un libro che fosse in tema, che fosse capace di raccontare in modo magico e fantasioso della Festa della Mamma!
Il libro è scritto da Lindsay Camp.Si tratta di un fumetto i cui protagonisti sono un fratellino e una sorellina che dopo il bacio della buonanotte si alzano per aspettare la bellissima principessa che arriva a mezzanotte appunto.
Preparano la coperta e si siedono preparando cibi e doni da offrire alla principessa. E continuano in questi preparativi tutti presi ed eccitati i due bambini.Ma tutta questa attesa alla fine fa crollare i due bambini nelle braccia di Morfeo. A mezzanotte arriva la mamma ke li rimette nel letto e il bimbo aprendo appena la palpebra sussurra " lo sapevo che saresti venuta, mia sorella ME LO AVEVA DETTO!".E tutta la notte sognò una bellissima principessa che lo teneva in braccio.
Un libro del Battello a vapore serie Bianca.
Utile per i bambini perchè invoglia a fantasticare e stimola fantasia!
Inoltre diventa un toccasana per le mamme che ricevono un elogio e un gesto affettuoso nel sentirsi definire le principesse dei loro bambini.
Buona lettura.

[ ... ]

giovedì 28 aprile 2011

Filastrocca per la mamma e...mamma nastrino

Oggi comincerei con la prima di una serie di filastrocche dedicate alle mamme.
Da qui seguiranno poi anche lavoretti e attività carine da fare insieme ai vostri piccini.

Ecco la filastrocca

Per la mamma
(di G.Rodari)
Filastrocca delle parole:
si faccia avanti chi ne vuole.
Di parole ho la testa piena,
con dentro “la luna” e “la balena”.
Ma le più belle che ho nel cuore,
le sento battere: “mamma”, “amore”.

E se questa bella filastrocca la scrivessimo dietro a un fiore in cartoncino colorato?
Ecco un video per realizzare un semplice fiore:


Ed infine vi lascio con un link
dove troverete la storia animata di mamma nastrino da poter guardare e gustare insieme ai vostri bimbi: my tv mamma nastrino
Buona giornata e a presto con tante belle attività per la festa della mamma!
[ ... ]

mercoledì 27 aprile 2011

I no che aiutano a crescere

Oggi sul sito dello Studio EmPathos nella sezione Finestra sul mondo
troverete un articolo della dott.ssa Stefania Carruba sui no che aiutano a crescere, con approfondimenti e letture.
Vi invito a leggerlo e, se volete, a commentarlo. Ho pensato a una iniziativa:
Con questo post rifletto con GioCoLanDia!
Potrete inviare la vostra riflessione alla mail studioempathos@gmail.com
oppure scrivere un post sul vostro blog e indicarmi il link e il titolo del post.
Creerò una lista dei vostri post con link al vostro blog, in modo tale che ciascuno possa conoscere la riflessione dell'altro.
Se vi piace l'iniziativa mandate una mail per comunicare la vostra voglia di partecipare, inviate successivamente il link con il vostro post e inserite in fondo al post stesso il logo dell'iniziativa con link a GioCoLanDia:


C'è tempo fino al 18 maggio, in quella data pubblicherò il post con l'elenco dei vostri contributi.
Care mamme
aspetto proprio di sentire la vostra!
Buona riflessione allora ^__^

[ ... ]

domenica 24 aprile 2011

Buona Pasqua

Un caro augurio
di Buona Pasqua a voi e a quanti vi stanno a cuore!


[ ... ]

sabato 23 aprile 2011

Idee per decorare le uova

Buon sabato a tutti!
Oggi potrebbe essere la giornata ideale ,
visto che in molti al sabato non lavorano e i bambini in genere non vanno a scuola, per poter decorare le uova di Pasqua.
così oggi un post per fornirvi spunti e idee da "copiare"
magari potreste poi inviarmi le foto dei lavoretti realizzati se vi va
così le posto insieme ai nomi dei vostri artisti!
Ecco la carrellata:






Ecco anche un disegno da stampare e colorare
Ed ecco una bella idea per portare la Pasqua anche a tavola:

Ecco infine un bel bibliettino facile e veloce da realizzare,
a me è stato donato
e l'ho trovato tenerissimo
credo che i bambini potranno proprio divertirsi a realizzarlo!
Basteranno cartoncino bianco,
una sagoma di un dolce coniglietto colorato
e un pò di cotone per la sua coda morbidosa!
Buona creatività!
[ ... ]

venerdì 22 aprile 2011

Il Venerdì del Libro

La lettura è da sempre una delle attività preferite da fare con i bambini. Ci sono libri e attività per ogni età, per ogni fase di vita di ciascuno, che si adeguano alla Weltanshauung del lettore e lo aiutano a ri-formularla in itinere.

Oggi vi presento due libri:
uno legato alla paura
l'altro legato a questo particolare Venerdì.

Il primo libro è la risposta ai molti genitori che mi chiedono come aiutare i propri piccoli a superare le paure, a come aiutarli a comprndere quando le paure sono infondate. é un libro per i più piccoli dove gran parte del messaggio viene comunicato e traferito attraverso le immagini.
E che immagini, concedetemi!
Il progetto, l'illustrazione e il testo sono di Lucia Salemi, che stimo moltissimo.
Ritengo che i suoi libri siano di grande valore educativo e le illustrazioni stimolino la fantasia dei bambini con quei toni vivaci e allegri.
Il colore è un ottimo spunto per attivare la fantasia, ma di questo magari ne parleremo in un momento diverso.
Il libro, piccolo testo cartonato, presenta le varie paure e come per magia, sfogliando le pagine, i mostra al bambino come si ribalta la situazione e la paura non ha più senso di essere.



IL secondo libro che vi consiglio oggi, è invece a tema, per questo particolare Venerdì.

di Emanuele Luzzati.
Credo sia una buona occasione perspiegare il senso della Pasqua ai vostri bambini, sotto o sfondo di un racconto che affascina e cattura l'attenzione dei piccini così come dei più grandicelli (che di certo ne coglieranno maggiormente il significato).
Il testo racconta di come una cena si sia trasformata in occasione per tramandare memoria e credo. Una notte particolare nella quale i bambini possono chiedere agli anziani di rispondere alle loro domande su chi siamo e da dove veniamo.
Un modo per riscoprire i legami familiari e quanto sia importante il confronto generazionale.

E con queste due letture vi saluto
augurandovi una buona giornata.
[ ... ]

giovedì 21 aprile 2011

Una scatola per le uova di Pasqua o i biscottini

Stasera un post per darvi una idea carina per riporre le mini uova di Pasqua o i biscottini per i vostri bambini.
La cosa bella (ed educativa) di queste scatoline (oltre che essere carinissime da vedere) sta nel fatto che vanno costruite e personalizzate insieme andando a sviluppare la manualità fine, la fantasia...


Ecco qui il tempalete che potrete scaricare gratuitamente qui
Lo trovate nelle due diverse versioni
da colorare
e già decorata
Ognuno poi la può personalizzare come crede
e d'effetto risulta anche la stessa stampata su cartoncino colorato
ho trovato una foto su internet e devo dire che mi piace molto.
Buona creatività!
[ ... ]

martedì 19 aprile 2011

Germogliano le...uova!!!!

Eccoci oggi con il nostro primo appuntamento uova decorate.
OCCORRENTE:
- gusci d'uovo rotti solo su una parte
- fagioli borlotti
- cotone idrofilo
- acqua
- pennarelli
- contenitore portauova (ci servirà per preparare la nostra piantaggione come appoggio)
- porta uovo carino (ci servirà per poi poter esporre i nostri germogli.

Usare le uova facendo attenzione a rompere solo la parte superiore dello stesso.
Lavare bene i gusci e lasciarli asciugare ben benino.
Una volta asciutti disegnate tanti faccini buffi e divertenti sui gusci.
Ecco i nostri furbetti:


Preparate dei batuffolini di cotone idrofilo e bagnatelo, strizzate e inseritelo dentro alle uova:
Ponete i nostri fagioli al centro del cuscino di cotone che abbiamo creato:
Disponete un altro batuffolo bagnato e strizzato sopra al fagiolo.
Io per comodità ho disposto i gusci in un cartone porta uova che posizionerò sul terrazzo affinchè prenda la luce del sole.
Adesso occorrerà tanta pazienza
e attendiamo che "germoglino le uova"!!!!
Nell'attesa però che ne dire di rendere questo gioco un vero e proprio esperimento?
Allora munitevi di un cartoncino-cartellone e create una tabella come quella che segue...


In questo modo osserveremo i cambiamenti della nostra piantina e potremmo tenere sotto controllo il suo sviluppo!
E le vostre uova quanto ci hanno messo a germogliare?
[ ... ]

lunedì 18 aprile 2011

Un venerdì del libro posticipato

Buon inizio settimana a tutti!
In questo lunedì di metà aprile parleremo di un libro.
Un venerdì del libro posticipato a...un lunedì!
Il libro di cui vorrei parlare oggi è: "Mamma nastrino Papà Luna" di Emanuela Nava con le illustrazioni di Desisderia Guicciardini.

Fa parte della collana "Il battello a vapore" (serie Arcobaleno)ed è indicato per bambini dai quattro anni in su.
Ho scelto questo testo perchè spesso risulta difficile spiegare ai propri bambini cosa sia un legame, che siamo "vicini anche se lontani".
Quante volte prima di andare a lavoro, o per un viaggio di lavoro, o anche solo quando accompagnate i vostri piccoli a scuola (soprattutto il primo giorno di scuola) avete visto il terrore negli occhi dei vostri bambini?
Vi siete sentiti incapaci di spiegargli che ci sarete sempre e comunque?
Che non essere presenti fisicamente non vuol dire non "esserci" del tutto?
Questo libro risponde a tutte le vostre esigenze legate al distacco che sia di poche ore o di un giorno, per aiutare i vostri bambini a capire che non sono mai soli e voi per spiegare loro il significato e il senso di un legame.
Il libro è costituito da due storie, tenerissime: la mamma con il suo nastrino al cuore, il papà che racconta la favola della buona notte attraverso la Luna.
Le due storie sono stampate in due versi differenti, quindi finita la prima storia il libri va capovolto per oter leggere la seconda.
La trovo una ottima idea sia per permettere al bambino di cogliere lo stacco fra una storia e l'altra sia per poter impostare una lettura fantasiosa del rapporto con mamma e con papà come complementari ma diversi.
Trovo che il testo possa risultare molto utile anche alle coppie separate dove se c'è uno dei genitori non c'è l'altro, anche per spiegare a bambini che non conta solo la presenza fisica perchè l'affetto e il legame va oltre e diventa presenza costante.
I bambini potrebbero cogliere l'insegnamento da queste due storie, agevolati anche dalle illustrazioni, e sentirsi rassicurati e forti.
E voi come avete spiegato al vostro bambino il concetto di legame?
A presto e buona giornata

« Convalido l'iscrizione di questo blog al servizio Paperblog sotto lo pseudonimo mcc »
[ ... ]

giovedì 14 aprile 2011

La favola della cura di Heidegger e... idea segnalibro

Oggi vi posto la favola della cura di Heidegger:

«La Cura mentre stava attraversando un fiume, scorse del fango cretoso; pensierosa, ne raccolse un po’ e incominciò a dargli forma…interviene Giove[…]Mentre la Cura e Giove disputavano sul nome, intervenne anche la Terra, reclamando che a ciò che era stato fatto fosse imposto il proprio nome[…] I disputanti elessero Saturno a giudice. Il quale comunicò ai contendenti la seguente giusta decisione: tu, Giove, che hai dato lo spirito, al momento della morte riceverai lo spirito; tu, Terra, che hai dato il corpo, riceverai il corpo; ma poiché fu la Cura che per prima diede forma a questo essere, fin che esso vive lo possieda la Cura. Per quanto concerne la controversia sul nome, si chiami homo perché è fatto di humus».
(M. HEIDEGGER, Essere e tempo, Milano, Longanesi, 1927.)

E vi do una idea, trovata nel web, di un segnalibro,
l'ho trovata spiritosa, semplice da fare e davvero molt molto carina:


Felice giornata!
[ ... ]

martedì 12 aprile 2011

Progetto(i) di vita

Quando vivere non è "lasciarsi vivere", la vita diventa progetto.
Assaporare la vita significa gustarsela e, non accontentandosi del semplice presente, progettare il domani, disegnarlo, sognarlo.
Vivere significa avere un progetto, proiettarsi al domani con pensiero positivo.
In qualità di professionista, come pedagogista, mi trovo spesso di parlare di progetti di vita: nei progetti educativi, nei piani formativi, nelle consulenze e anche negli interventi a favore dei disabili.
Il progetto di vita è una comune costante.
Chi non ha un progetto di vita?
E' prospetiva e speranza, azione e progettazione, oltrarsi.
Il progetto di vita è una dimensione squisitamente pedagogica, come imprescindibile dell'esistenza di ciascuno.
Alla base di essa, come pedagogista, vedo la cura e il senso del prendersi cura in teso alla maniera di Heidegger.
L'uomo inteso come ogni sua dimensione e in ognuno dei ruoli che ricopre nella società, si costruisce e ricostruisce attraverso il suo progetto di vita.
Vivere ed esperire il progetto di vita: diversi ruoli, diversi vissuti.
Mi piaceva l'idea di analizzare il modo diverso il cui intendo il progetto di vita a seconda degli occhi con cui lo guardo.
Se, quello di prima, è uno sguardo breve da pedagogista, come lo inteso e vissuto in qualità di figlia?
Progetto di vita: divenirne parte.
Ho avuto la fortuna di crescere all'interno di una famiglia molto unita e dai legami forti.
Ho sempre visto i miei genitori come simbolo ed espressione dell'amore eterno. Una coppia giovane e forte, che non ha mai temuto il passare del tempo nè le prove che la vita di tanto in tanto invita a superare.
A casa nostra l'amore e l'affetto venivano, e sono tutt'oggi esternati senza grandi difficoltà.
Ho visto crescere negli occhi dei miei genitori un progetto di vita comune, me ne hanno fatto dono rendendomi sempre partecipe.
Ho imparato e capito di esserne parte integrante: io parte del progetto.
Ho vissuto modifiche ed implementazioni del progetto di vita. L'arrivo di mia sorella e il nostro progetto che cambia, che cresce e ci accresce.
Attraverso il soffio e il calore umano della mia famiglia ho imparato il mio "esserci" nel mondo.
Crescendo impariamo non solo ad essere parte del progetto ma a costruirne altri contemporanemante, impariamo che si può essere "molti", ad indossare i panni e ruoli che le varie fasi di vita ci propongono.
Ci progettiamo e riprogettiamo di continuo: siamo un eterno divenire.
Ho imparato a progettarmi come professionista, da dipendente a imprenditore di me stessa.
Ho progettato, impostato, sognato e sperato ed ora vivo il mio progetto come parte di me.
Ho porgettato il mio "non più solo figlia" e insieme al mio compagno di viaggio (e futuro marito) abbiamo co-costruito il nostro progetto di vita comune: noi una nuova famiglia che nasce.
Progetto nato da condivisione, amore, passione, speranza e sogni comuni.
Progetto di un domani insieme, di un viaggio di costruzione del noi senza smarrire il se, di un SAL senza punto, di un "non solo noi" ma di una famiglia che vuole crescere domani e inserirsi in quelle che già di appartengono.
Progetto di vita o...progetti di vita?
Le persone di una persona sono molte in ogni persona.(Amadou Hampâté Bâ)

Questo post partecipa al
blogstorming

[ ... ]

lunedì 11 aprile 2011

Il bruco portauova:ultima parte


Rieccoci con il nostro bruco porta uova...
Anche il vostro colore è asciutto?
allora procediamo insieme!
Eccolo:

Adesso disegnate gli occhietti del bruco dando l'esperessione che preferite:
Io ho scelto questi occhietti furbi, e voi?
Incolliamo gli occhi alla nostra pallina
sembra quasi che il nostro bruca ci regali un bel sorriso, non vi pare?
Ogni bruco che si rispetti ha delle belle antenne!
Cartoncino giallo e forbicine:
Ritagliamo 4 striscioline uguali e lavoriamole a due a due:


Ho realizzato un piccolo schema che spero vi aiuti meglio a capire come ho realizzato le antenne:

Incolliamo le antenne, va benissimo anche il biadesivo:


Incolliamo la testolina del nostro bruco al lunghissimo corpo che abbiamo realizzato:

Facciamo pressione affinchè il nastro biadesivo faccia il suo dovere!
E adesso portiamo a spasso le nostra uova sulla giostrina che abbiamo creato:

Come chiamerete il vostro amico bruco?

A presto con le uova decorate!
[ ... ]

venerdì 8 aprile 2011

Il Venerdì del Libro

GioCoLandia decide di dedicare il venerdì ai libri
o meglio al venerdì diventa spazio di consiglio lettura!
Credo sia importante per i genitori poter avere consigli e suggerimenti sulle
letture da proporre ai bambini.
Oggi vi propongo un libro che credo a molte potrà servire.
La nostra società dle consumismo e dello sperpero spesso
travolge i nostri bimbi e li disorienta con una miriade di prodotti
che finiscono per diventare calamite e non sempre i bambini riescono a discernere
e a capire che non si può acquistare tutto sempre!
Ed ecco perchè oggi scelgo di parlare di questo libro:
Anche per rispondere alle richieste che mi sono arrivate da molte mamme, sia presso il servizio consulenza gratuita online e durante le consulenze in studio e nei vari centri. Inoltre non poco spesso mi accade di assistere a strilli e pianti nei centri commerciali, nei negozi, nei parchi e mi accorgo dei visi sgomenti e paonazzi delle mamme e dei papà che non sanno come reagire.
Ecco alcuni dati:
Berenstain Jan; Berenstain Stan
Collana: Il battellino a vapore
La Famiglia Orsetti n° 19
Consigliato: dai 3 anni
Nel testo si spiega come poter spiegare ai bambini che non sempre possiamo acquistare tutto, come far loro comprendere il perchè dei no.
E fra queste pagine troverete tutti i suggerimenti dei nonni, che con la loro esperienza aiutano non solo i bambini ma anche i genitori su come affrontare tutto questo!
Ve lo consiglio!
Se deciderete di leggerlo con i vostri "orsetti" fatemi sapere cosa ne pensate e come avete vissuto insieme questa lettura.
Buona lettura!
[ ... ]

giovedì 7 aprile 2011

Il bruco portauova:seconda parte

GioCoLanDia ritorna
dopo un pò di giorni di latitanza (causa lavoro)
e riprende il progetto del bruco porta uova dallo spirito allegro e recicloso!
Avete già procurato tutti i materiali?
Siete pronti?
Si parte!!!
Prendete i vostri contenitori porta uova in cartone
e munitevi di forbicine:

cominciate a ritagliare in blocchi di due
In totale avremo 5 blocchi di due

Con il nastro carta cominciamo a incollarli fra di loro, così il corpo del bruco
prenderà magicamente forma






Con una piccola parte accartocciata creiamo la parte finale del nostro bruco

Magia delle magie...
il nostro bruco è anche snodabile:

Adesso muniamoci di tempere e pennelli e...
coloriamo il nostro bruco


Io ho già cominciato e voi?
Lasciamo asciugare.
A domani con la prossima parte
[ ... ]
 

©2009 GioCoLanDia | by TNB